domenica 4 novembre 2012

NaNo-In-Progress

Avviso: per questo mese il blog sarà un tantino monotematico.
Come ha fatto Paolo, traccio un primissimo bilancio NaNoso.
Ieri sono stata proprio brava (e me lo dico da sola): duemilacinquecento parole e spiccioli dopo una giornata pesantissima. 
Sono in pari con il wordcount per oggi, ma si impone di andare avanti e mantenere la media.
Non mi preoccupa, visto che è domenica. Il difficile comincerà domani, quando avrò soltanto la sera (e si preannuncia una settimanaccia di quelle toste, probabilmente arriverò a casa ridotta uno straccio).
Anche stavolta, ho iniziato a fatica, poi ho cominciato a filare. 
Questa storia mi pone diversi problemi, perché ho deciso di cimentarmi con la fantascienza.
Ne ho letta tanta (il primo romanzo che mi hanno messo in mano è stato un Urania e non credo che avessi ancora otto anni), ma scritta quasi niente. Solo Il sonno del faraone
Quindi, sono un'assoluta esordiente e ne sto scontando il prezzo. Passare da un genere a un altro non è per niente facile: cambiano i tempi, i tagli, la terminologia. Sento molto l'incertezza di non sapere se stai facendo la cosa giusta nel modo giusto (ma questa dovrei proprio scrollarmela di dosso, ora. Avrò tempo in seguito per preoccuparmene). Inoltre, l'ambientazione è qualcosa di nuovo per me e, dopo due anni di Spéza, devo abituarmici.
Ma tengo duro e vado avanti: dovrò lavorare come un cane in fase di revisione, ma non mi importa. L'obiettivo attuale è - al di là delle duemila parole al giorno - arrivare al trenta di novembre con il first draft completo e la parola fine messa. Poi, un mese di decantazione, durante il quale non voglio neanche sapere che Kismet esiste, e dopo si comincia a ragionare.
Adesso, visto che ho tempo, mi concedo il lusso di rileggere tutto prima di attaccare.
Au revoir!

9 commenti:

  1. E vai così!
    Ma se uno alla fine, ovviamente avendo raggiunto il quorum di parole, non ha ancora terminato la storia, che fa?
    Il mio in 50000 parole non so mica se ci sta...

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Che fa... continua! XD
      Per essere considerato vincitore devi scrivere cinquantamila parole in un mese. Se la tua storia è più lunga non è importante ai fini della "vittoria" (io ho sforato per ben due anni di fila!).

      Elimina
  2. Mi sa che Harlock ha avuto la sua influenza... :o)))
    Non so come fai a reggere ma brava così. Se hai bisogno di consulenza per la fantascienza chiedi pure, io ho scritto praticamente solo racconti di questo genere. Inoltre posso suggerirti di scaricare un mio manuale gratuito di Star Trek di oltre 270 pagine dal mio blog, giusto per farti un'idea e magari ricavare qualche spunto utile.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Mi sa che Harlock ha avuto la sua influenza... :o)))
      Non lo so, te lo saprò dire quando l'avrò visto, per ora sono sempre ferma a quel pezzetto di primo episodio di cui parlavo nello scorso post (comunque, ribadisco: l'Arcadia è assai figa). XD

      Non so come fai a reggere ma brava così.
      Grazie! XD Mi sono messa in testa di riuscirci e, cascasse il mondo, ci riuscirò!

      Se hai bisogno di consulenza per la fantascienza chiedi pure, io ho scritto praticamente solo racconti di questo genere. Inoltre posso suggerirti di scaricare un mio manuale gratuito di Star Trek di oltre 270 pagine dal mio blog, giusto per farti un'idea e magari ricavare qualche spunto utile.
      Ma grazie! Approfitterò sicuramente, se non adesso, quando comincerò la prima revisione. Solo, occhio: guarda che quando comincio a fare domande divento una pressa! XD

      Elimina
    2. Grazie! XD Mi sono messa in testa di riuscirci e, cascasse il mondo, ci riuscirò!
      Quando il gioco si fa duro... :o)

      Solo, occhio: guarda che quando comincio a fare domande divento una pressa! XD
      Uhmmm... Vedremo all'occorrenza. Da parte mia cercherò di resistere alla torchiatura... ;o)))

      Ehm spero di avere inserito i codici giusti per il quoting che ho fatto sopra.

      Elimina
  3. Vai avanti e fila in modalità caterpillar!
    Quindi pensi che Kismet possa starci tutto entro le 50.000? Invidia! Voglio riuscirci anche io, sono stufa di storie mastodontiche.
    La mia prova con la fantascienza la rimanderò a data da destinarsi proprio per via dei problemi che hai accennato qui :-|

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Oh, yesss, non ho intenzione di fermarmi, cavolo!
      Non so se Kismet starà tutto nelle cinquantamila battute: non è una storia molto complessa, ma sai com'è, poi i personaggi prendono un po' a fare come vogliono loro... Di sicuro, ho tutte le intenzioni di chiudere entro fine mese. Che siano cinquantamila o qualcosa in più poco importa. Tanto mi conosco: allungherò il brodo in revisione.
      La mia prova con la fantascienza la rimanderò a data da destinarsi proprio per via dei problemi che hai accennato qui :-|
      Sì, i problemi ci sono, ma chissenefrega: tanto per iniziare, è una prima stesura. E poi, è un mio divertissement privato: non è che devo darlo in pasto a qualche critico feroce. Devo solo familiarizzarmi con le regole di un genere che non ho mai scritto: se mi lascio fermare dai problemi e dai dubbi, non lo farò mai. In fondo, non si impara a camminare se non ci si sbuccia le ginocchia!

      E adesso, vado a completare l'obiettivo di oggi: ancora poco più di quattrocento parole!

      Elimina
  4. Ma pensa, non avevo mai sentito parlare di questo Nano! :-D
    Che sfida! La facessi io, perderei subito! Mai contato le parole scritte in un giorno, almeno per i miei primi due romanzi. Il primo lo scrivevo a mano nelle ore di fisica a scuola, per cui contare le parole sarebbe stato impossibile :-D
    Grande Vale, vaiiiiiiii! ^_^

    RispondiElimina
    Risposte
    1. È divertente, Eli. Faticoso, ma divertente.

      Elimina